Home > Senza categoria > Chiutono le scole e iss se ne vanno ‘n ferie

Chiutono le scole e iss se ne vanno ‘n ferie

Mi è arrivato questo messaggio, di autore sconosciuto. Ve lo trasmetto pari pari.

*

Chiutono le scole e iss se ne vanno ‘n ferie

 

“Iss” chi, i ragazzi?

Mannò!

Sono i nostro contuttori di “sciò” e programmi “di tivvù” ca, chiuso le scola,  chiutono pur’iss la buttega e se ne vanno alla villeggiatura.

Daltrondo, a mmè mi pare pure giusto ca, si uno guadagna 4 milioni pè staggione, questa moneta la deve pure spendere! Nonn’è ca si tratto di uno manovalo di cantiere o di una femmina che fa le pulizzie della scola alimentare o di un di quei ragazzi ca portano i pacchetti sopa la bicicletta, ca jettano o sang pè 400 eure o mese e nun teneno manc ‘efferie!

No! Questo sono pieno di moneta, tengono lo “iot” alle Secella e alle Maltiva e l’hanna pure spenne sti cazz e miliunh! E li vuoi dare il tempo, ca ci volono perlomeno 4 mesate per conzumare tutta ‘sta moneta?

Accussì, mo ca riaprono le scole, s’anno spennnuto tutta la moneta e li vene nuovamente il desiterio di farci cumpagnnia!

Io, a esembio, non veto l’ora.

Io, quanno chiutono le scole e chiutono i “sciò”, io mi sento malamente! A mme mi manca l’aria! A mme mi manca la faccia di questo o quella femmina che ci fanno capire quanto è brutta la miseria! Pecché io non mi avevo accorto mai che il mondo è fatto di ingiustizzie e fetenzie! No! Io non mi avevo accorto mai che il mondo è tutta ‘na schifezza! A mme mi pareva ca pe campà avastavano 3 – 400 eur ò mese che, in confronto di certi africani ca fanno e pummarole, sono una ricchezza… e invece…

“Per fortuna ca stanno questi” io mi dicetti, “ca mi fanno capire la verità”. Ma mo? Mo ca stanno in ferie, mo che faccio io?

Mi prendono le convurzioni. A’ notte nun pozzo durmì. Me manca l’aria. Io appiccio o televisore… aspietto a chisst… ma manc po cazz! Cambio o canale, uno duji e tre… ma manc po cazz! Stuto, riappiccico, riappiccico e stuto, ma manco po cazz!

Chissà addò stanno! “Tornate! Il popolo vi acclama! Tornate! Faciteci capì la differenza tra il ricco e il povero, che nuje, si non ciò dicete vujie, non ce capimmo nu cazz!”

Mio patre me diciaje, ca una volta ci steva o “piccì”. “Era” me diciaje, “un partito ca sta dalla parta dei lavoratori; della classe operaia. Pecché? Perché la classe operaia sono sfruttato dai patroni e se non ci sta un partito della classe operaia, un partito dei comunisti… statta buena Rocch!”

Poi, però, a mme me pare ca sta classe operaia e sti comunisti hanno sparita dalla circulazione, perché io non ne ho visto mai. Io di “isti” canosco i populisti, i mortisti, i cannabisti, i biotestamentisti, i cambiamentisti,  gli antivaccinisti, i canisti, i federalisti, i femministi, gli asfaltisti, i sciampisti, i gaysti, i pallonisti, i diavolisti e tutta una enorme congrega di opportunisti… ma classe operaia e comunisti non se vedono proprio, almeno da ‘na trentina d’anni a questa vanna. Accussì me dicette o confessore la domenica passata, mentre se faceva o segno della croce almeno sette volte e chiù.

Per fortuna ca ce stanno i contuttori di “sciò” ca stonno dalla parta nosta, ca si stai aspiettanno a isss… ai comunisti… campa cavallo!

Però…

Cari, carissimi; illustri, illustrissimi; amati, amatissimi  contuttori di “sciò”, per piacere non ci lasciate soli! Tornate presto dalle vostre importantissime vacanze, sennò accà nun se capisce cchiù ‘na mazza! la confuziona è globbale!

Poi, pensandoci, mi dico: “ma in fondo in fondo cosa sono mai 4 mesate? Niente! Na sciocchezza! Volano! Che ci vuole a spendere na milionata di euri con quel che costa la benzina? Niente! Non fai in tempo ad accendere il motore dello “iot”, che già te ne devi tornare! Amme me dispiace: ma aspetto; tengo pacienza.”

D’altronde… che tengo da perdere? Niente.

 

 

Categorie:Senza categoria Tag:
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
Codice di sicurezza: